lunedì 6 aprile 2020

Belle illustrazioni sul Coronavirus di Alireza Pakdel

Credo che nessuno avrebbe mai neanche potuto immaginare, che il 2020 sarebbe stato l'anno in cui tutto il mondo si sarebbe ritrovato in una situazione così drammatica.
Mascherine, guanti, timore del contagio, del futuro...
I canali multimediali incoraggiano le persone a rimanere a casa. Teatri, cinema, palestre, musei, negozi, chiusi.
Gli ospedali di tutto il mondo pieni di persone, alcuni addirittura incapaci di aiutarle.
Tutto si è fermato nella grande pandemia del XXI secolo: il Coronavirus.

L'artista iraniana Alireza Pakdel ha creato delle belle illustrazioni che riflettono la situazione attuale del mondo, catturano la dura realtà di coloro che si sacrificano per prendersi cura di noi: dottori, poliziotti, vigili del fuoco, infermieri, volontari.
Loro sono i protagonisti di queste illustrazioni.













Mi associo a questa giovane e brava artista nell'esprimere la nostra gratitudine a quanti si prodigano per darci aiuto e conforto.
Poca cosa, lo so, ma ancora grazie di cuore!

domenica 5 aprile 2020

Bellissime composizioni fotografiche con fiori e cibi di Elise Dumas



Elise Dumas, alias The Pineapple Chef, è una stilista e fotografa di cibo e stile di vita.
Lei stessa spiega: "Realizzo principalmente contenuti per marchi, chef, ristoranti, hotel, case editrici e riviste... Ho lavorato per 15 anni nella moda per case di lusso nel visual merchandising prima di intraprendere questa attività a tempo pieno".



E prosegue: "Ho iniziato un blog 8 anni fa sulle intolleranze alimentari perché mi avevano reso la vita difficile, infatti allora, a Parigi, non c'erano davvero molti locali che avessero cibo senza glutine, o vegani o biologici.
Volevo trasmettere le mie ricette e fotografarle. Mi è sempre piaciuta l'immagine, il visivo,




ma quando mi sono resa conto che le mie fotografie non erano di qualità sufficientemente elevata, ho cercato di imparare a lavorare guardando i blogger stranieri che ho ammirato attraverso i loro account Instagram e Pinterest.
È stata una rivelazione! Ho capito che, oltre alla ricetta, mi piaceva metterla in scena, sublimarla e fotografarla"
.



Da allora, Elise ama creare fotografie con composizioni floreali, ricette o entrambe per rivelare ed enfatizzare la bellezza che ci circonda nel senso più ampio del termine.



"Oggi sono, e sempre più dopo aver viaggiato per il mondo, affascinata dalla bellezza e dalla ricchezza dei nostri prodotti, del nostro patrimonio, del nostro know-how, dei nostri chef e dei nostri artigiani.
Sono ispirata dai social network, ma anche da libri, mostre, cinema, architettura o anche dalla vita di tutti i giorni, dalla natura, dalle stagioni... Questo è tutto ciò di cui voglio parlare nel mio lavoro"




Molto brava! E interessante la sua caparbietà per imparare e migliorare, Elise Dumas è una di quelle persone che ci possono ispirare, quindi se volete, potete continuare a seguirla sulla sua pagina Instagram e trarne profitto!

venerdì 3 aprile 2020

"Cat Fight" il nuovo video a colori di Simon's Cat di Simon Tofield



Simon's Cat in questo nuovo video a colori, deve vedersela con Jazz, il gatto dei vicini, suo grande nemico.
Si stuzzicano sino ad arrivare prendersi a zampate... ma come in ogni divertente video di Simon Tofield, alla fine c'è un colpo di scena.
Chi avrà la meglio?

Gustatevi questo esilarante video... e buona giornata!

mercoledì 1 aprile 2020

7 castelli storici europei in rovina ricostruiti digitalmente di Simply Savvy

In Europa, nel corso degli anni, guerre e riappacificazioni, invasori ed eroi si sono succeduti all'ombra di splendidi castelli.
Molti di essi sono ormai ridotti a pochi frammenti di rovine deteriorati dai danni del tempo, delle guerre o del disastro naturale.
Ora però possiamo rivederli nel loro originario splendore grazie alla compagnia assicurativa australiana Budget Direct, che ne ha ricostruito sette digitalmente per il suo blog Simply Savvy.

7 castelli storici europei in rovina ricostruiti digitalmente di Simply Savvy
Castello Samobor, Samobor, Croazia

L'unico pezzo rimasto del castello del XIII secolo costruito dal re di Boemia Otokaras II è la base della torre di guardia: il resto delle rovine proviene da un'espansione avvenuta circa 300 anni dopo. Si trova a soli 10 minuti a piedi dalla città croata di Samobor, che ha acquistato la proprietà nel 1902.

7 castelli storici europei in rovina ricostruiti digitalmente di Simply Savvy
Château Gaillard, Les Andelys, Francia

Re Riccardo I d'Inghilterra fece costruire Château Gaillard in soli due anni alla fine del XII secolo come fortezza per proteggere il ducato di Normandia, che all'epoca apparteneva all'Inghilterra, dall'invasione francese. Non durò a lungo: re Filippo II di Francia ebbe la meglio sei anni dopo.

7 castelli storici europei in rovina ricostruiti digitalmente di Simply Savvy
Dunnottar Castle, Stonehaven, Scozia

Il castello di Dunnottar si affaccia sul Mare del Nord ed è forse meglio conosciuto come la fortezza che William Wallace -interpretato da Mel Gibson nel 1995 nel film Braveheart- e le forze scozzesi conquistarono dall'occupazione inglese nel 1297. Successivamente divenne il luogo in cui la monarchia scozzese conservò i gioielli della corona, introdotti clandestinamente quando Oliver Cromwell lo invase nel corso del XVII secolo.

7 castelli storici europei in rovina ricostruiti digitalmente di Simply Savvy
Menlo Castle, Galway City, Irlanda

Questo castello irlandese ricoperto di edera fu costruito nel XVI secolo e quasi distrutto da un incendio nel 1910. Per quei pochi secoli, fu dimora della famiglia Blake, nobili inglesi, che possedevano proprietà in tutta la regione.

7 castelli storici europei in rovina ricostruiti digitalmente di Simply Savvy
Castello Olsztyn, Olsztyn, Polonia

La prima menzione nota del castello di Olsztyn risale al 1306, quindi sappiamo che fu costruito qualche tempo prima e poi ampliato nel corso del secolo dal re Casimir III di Polonia. Fu gravemente danneggiato durante le guerre con la Svezia nel XVII e XVIII secolo, ma la sua torre più alta, un tempo prigione, è ancora in piedi.

7 castelli storici europei in rovina ricostruiti digitalmente di Simply Savvy
Castello Spiš, Spišské Podhradie, Slovachia

Il massiccio castello slovacco di Spiš fu costruito nel XII secolo per delimitare il confine del regno ungherese e cadde in rovina dopo un incendio nel 1780. Tuttavia, gli sforzi di restauro del XX secolo aiutarono a fortificare le stanze rimanenti e fu persino usato come luogo, per alcune scene, nelle riprese del film DragonHeart del 1996.

7 castelli storici europei in rovina ricostruiti digitalmente di Simply Savvy
Castello Poenari, Valachia, Romania

Questo castello rumeno del XIII secolo vanta un residente famoso: Vlad l'Impalatore, o Vlad Dracula, personaggio che forse influenzò Bram Stoker per il suo Dracula. Ha anche un'altra particolarità l'incredibile numero di gradini in pietra, ben 1480, che è ancora possibile salire oggi.

Uno più magnifico dell'altro! Luoghi incantati dove la fantasia si inchina alla realtà della storia.

martedì 31 marzo 2020

"Pure Hell" un puzzle tutto bianco di Beverly



Stare in casa non è poi così male, diciamolo.
E poi, dobbiamo pensare che quando ritorneremo alla normalità dovremo rimboccarci le maniche, con serietà e forza. Quindi, ora che abbiamo del tempo libero in più, approfittiamone per caricarci ben bene sia fisicamente che mentalmente come ad esempio dedicandoci a passatempi un pò più impegnativi come questo puzzle del produttore giapponese di giochi da tavolo Beverly.

Il puzzle in questione è tutto bianco e metterà sicuramente alla prova la pazienza anche dei maestri di puzzle più esperti.
Descritto come il più "micro" puzzle del mondo, "Pure Hell" non presenta alcuna immagine che aiuti a completarlo: solo 2.000 tessere vuote.



Il puzzle di livello esperto, 18 anni +, viene fornito con avvertimenti come "Per favore non comprarlo se sei un principiante" e "Il grande re dell'inferno è arrivato!".

Tuttavia, se siete fanatici delle sfide, è perfetto per rimanere occupati!
Senza alcun aiuto visivo, gli utenti devono provare a mettere insieme le piccole tessere finché non si incastrano una con l'altra perfettamente.

Pensate sia impossibile riuscire a finirlo?
Non incominciate a brontolare, in fondo ci sono i pezzi d'angolo per iniziare!

Potete guardare altri giochi del produttore Beverly sul suo sito web e sulla sua pagina Instagram.

giovedì 26 marzo 2020

Everloop uno spazzolino da denti che dura due anni di NOS

Everloop uno spazzolino da denti che dura due anni di NOS

Per affrontare il problema dell'elevato numero di spazzolini da denti che vengono smaltiti ogni anno, si parla di circa 20-30 miliardi di spazzolini di plastica gettati in discarica stimando che ogni persona lo sostituisce ogni 3-4 mesi, la società di consulenza di progettazione NOS, con sede a Città del Messico, ha creato uno spazzolino da denti sostenibile chiamato Everloop.

Everloop uno spazzolino da denti che dura due anni di NOS

Everloop ha una impugnatura di plastica riciclata da spazzolini da denti smaltiti e la testina presenta un meccanismo dentellato che consente di sostituire le setole in bambù naturale al 100%.

Everloop uno spazzolino da denti che dura due anni di NOS

La maggior parte degli spazzolini da denti che dichiarano di essere ecologici, come quelli realizzati in legno, usano spesso setole in nylon sintetico, che ovviamente contribuiscono ai rifiuti di plastica.

Everloop uno spazzolino da denti che dura due anni di NOS

Lo spazzolino Everloop è diverso, poiché ogni parte è realizzata in materiale riciclato o naturale.
NOS afferma: "Le setole che sono smaltite non hanno plastica, il che le rende compostabili al 100% rispetto alle testine monouso sul mercato con componenti in plastica".

Everloop uno spazzolino da denti che dura due anni di NOS

Mentre il corpo dello spazzolino che è realizzato in plastica riciclata può essere utilizzato per tutto il tempo, le setole sono progettate per essere cambiate ogni 3 mesi.

Everloop uno spazzolino da denti che dura due anni di NOS

Ogni spazzolino Everloop infatti viene fornito con 8 set di setole, che in base alla durata di 3 mesi di uno spazzolino normale, rendono la sua durata complessiva di 2 anni.

Everloop uno spazzolino da denti che dura due anni di NOS

Anche la confezione di questo spazzolino da denti è riciclabile perché composta da pasta di carta termoformata compostabile al 100%.

Everloop uno spazzolino da denti che dura due anni di NOS

Inoltre ogni spazzolino è dotato di un piccolo supporto adesivo per poterlo, eventualmente, appendere.



Per un maggiore chiarimento circa l'assemblaggio dello spazzolino Everloop potete guardare il video di Vimeo.

Everloop uno spazzolino da denti che dura due anni di NOS

Mentre, se volete scoprire di più sul portfolio di design di NOS potete visitare il loro sito web e le loro pagine Facebook, Instagram, Twitter e Pinterest.

lunedì 23 marzo 2020

Candele di soia profumate a forma di succulente e fiori di Zoe

Candele di soia profumate a forma di succulente e fiori di Zoe

L'artista di Vancouver Zoe, di Zoet Studio, ha un'alternativa davvero deliziosa per sostituire le piante di casa con qualcosa che ha un bell'aspetto e un profumo fantastico. Crea candele di soia a forma di succulente, di fiore e piccoli frutti così carine, che è quasi un dispiace pensare di farle consumare accendendole.

Candele di soia profumate a forma di succulente e fiori di Zoe

Realizzate in pura cera di soia, stoppini senza piombo, olio profumato privo di ftalati e versate in eleganti bicchieri, ogni candela è amorevolmente creata a mano con dimensioni minute.

Candele di soia profumate a forma di succulente e fiori di Zoe

Le colorate e mini candele, non sono solo belle alla vista, ma migliorano anche l'odore della casa.

Candele di soia profumate a forma di succulente e fiori di Zoe

Infatti hanno profumi che includono: tè bianco e legno di sandalo, nonché miscele personalizzate di Zoe come "Yoga", una unione di eucalipto e lavanda e "Mountain Walk" composto da pino e vaniglia.

Candele di soia profumate a forma di succulente e fiori di Zoe

Come sicuramente sapete, la maggior parte delle candele acquistate in negozio sono realizzate con paraffina, un materiale che rilascia sostanze chimiche tossiche nell'ambiente. Le candele di Zoe sono appunto fatte con semi di soia, il che significa che non contribuiscono ai livelli di CO2.
A rigor di logica, dovrebbero quindi essere migliori per l'ambiente.

Candele di soia profumate a forma di succulente e fiori di Zoe

In ogni caso, potete vedere altre graziosissime candele di soia di Zoe sulle sue pagine Facebook, Instagram e Pinterest.
Se poi volete, potete anche visitare il suo negozio Etsy e decidere di acquistarne qualcuna.