lunedì 10 agosto 2020

Centrotavola di Ferragosto 2020

Centrotavola di Ferragosto 2020 realizzato da TulipanoRosa

Ed eccoci quasi a Ferragosto! La nostra riunione rituale del 15 agosto con parenti e amici quest'anno sarà più contenuta del solito, ma chi potrà parteciparvi ha dato un caldo consenso, quindi mi sono messa all'opera per preparare il Centrotavola.
Anche se questa estate è meno torrida di altri anni, mi piaceva l'idea di fare una composizione fresca, ovviamente che "sapesse di mare" e che non riempisse troppo la tavola dato che, come sempre, le portate saranno parecchie perché ognuno porterà delle specialità...
Perciò, a parte l'acquolina in bocca, mi sono attivata per trovare l'occorrente e ho realizzato il mio Centrotavola di Ferragosto.
Ora vi spiego come ho fatto.

Occorrente

Corona in polistirolo diametro cm. 20
Nastro di raso color tortora lungo cm. 300; alto cm. 4
Nastro di tulle e seta azzurro lungo cm. 200; alto cm. 3,5
Nastro a rete fine con puntini dorati color bianco panna lungo cm. 100; alto cm. 6
Conchiglia grande
Conchiglie medie 12
Conchiglie piccole 7
Colla a caldo
Spilli

Esecuzione

Per prima cosa ho ricoperto la corona con il nastro color tortora facendo attenzione che le rimanesse ben aderente e bloccandolo con alcuni spilli.
Ho poi preparato due fiocchi con il nastro azzurro e tre con quello bianco panna tutti e cinque diversi tra loro.
Ho quindi iniziato ad incollare sulla corona i fiocchi e le conchiglie alternandole per colore e dimensione.
E' stato piuttosto semplice grazie alla colla a caldo che mi ha aiutata a far stare ogni pezzo dove volevo!
Il Centrotavola di Ferragosto è pronto, perciò non mi rimane che ringraziare in modo assolutamente speciale l'amico, blogger e fotografo Tiziano per la bellissima foto del mio Centrotavola.
A tutti voi auguro un piacevole Ferragosto ricordando, a chi volesse avere altre idee per preparare un centrotavola fai da te, che cliccando su Album Fotografico, ma anche su Instagram e Pinterest, troverà tutti i Centrotavola per le varie ricorrenze da me realizzati.

giovedì 6 agosto 2020

"Coral Greenhouse" il santuario sottomarino per creature marine vulnerabili la nuova installazione di Jason deCaires Taylor

Coral Greenhouse la nuova installazione di Jason deCaires Taylor

A circa 50 miglia da Townsville, in Australia, una struttura senza pretese creata da Jason deCaires Taylor poggia sul fondo sabbioso del John Brewer Reef.
Attualmente, "The Coral Greenhouse" è in ottime condizioni con poche alghe e piccoli organismi attaccati ai suoi lati, ma nel tempo, tuttavia, l'opera scultorea è destinata ad accumulare gruppi vibranti di creature marine che la colonizzeranno.

Coral Greenhouse la nuova installazione di Jason deCaires Taylor

Costruito con acciaio inossidabile resistente alla corrosione e alle sostanze a pH neutro, il telaio biomorfo è realizzato sui modelli della natura.
Infatti, i suoi materiali aiuteranno la crescita dei coralli e saranno quindi assorbiti dalle colonie che vi si propagheranno.

Coral Greenhouse la nuova installazione di Jason deCaires Taylor

La struttura presenta lati decorati con motivi semplici per creare piccole enclavi utili alla vita oceanica come luoghi in cui nascondersi dai predatori o per sostarvi per riposare.
Per tenere i subacquei lontani dai fragili ecosistemi, Taylor tende a installare i suoi progetti marini in aree meno vulnerabili.

Coral Greenhouse la nuova installazione di Jason deCaires Taylor

Con un peso di 165 tonnellate, "The Coral Greenhouse" è la più grande installazione come Museo di arte subacquea, ad oggi.
La struttura A-frame è composta da sezioni triangolari e una massiccia base di cemento, che forniscono stabilità per le onde e le intemperie. I suoi lati a doghe consentono ai subacquei, agli organismi che alimentano i filtri e ai banchi di pesci di nuotare dentro e fuori mentre le guglie galleggianti, che sporgono dall'apice dei raggi, oscillano con le correnti.

Coral Greenhouse la nuova installazione di Jason deCaires Taylor

Sculture figurative, realizzate con calchi di bambini di tutto il mondo, popolano l'interno, appunto per ricordare che il corallo ha bisogno di cure.
Le statue dei bambini sono state realizzate mentre cullano fioriere, scrutano nei microscopi o osservano la vulnerabilità dell'ambiente.
Proprio Taylor parlando della sua opera, spiega: "Così sono protesi al loro futuro, costruendo un rapporto diverso con il nostro mondo marino, lo riconoscono prezioso, fragile e bisognoso di protezione. I nostri figli sono i guardiani della Grande Barriera Corallina".

Coral Greenhouse la nuova installazione di Jason deCaires Taylor

Per visitare l'installazione site-specific bisognerà attendere sino al 2021.
Nel frattempo potete farvi un'idea di come alcuni dei lavori precedenti di Taylor si siano trasformati dopo essere stati sommersi per più di una dozzina di anni sulla sua pagina Instagram... e cominciare a sognare!

domenica 2 agosto 2020

Squisite illustrazioni digitali in 3D di Maxim Shkret

Squisite illustrazioni digitali in 3D di Maxim Shkret

L'artista Maxim Shkret, con sede a Mosca, rende i manti degli animali dettagliati e raffinati con pezzi distinti e sinuosi.

Squisite illustrazioni digitali in 3D di Maxim Shkret

Apparendo tridimensionali, gli eleganti rendering di Shkret catturano le fluide qualità delle pellicce e delle piume dei vari animali.

Squisite illustrazioni digitali in 3D di Maxim Shkret

Ogni illustrazione digitale ha una tavolozza di colori rigorosa e sebbene alcune creature mantengano realistiche sfumature di marrone e nero, altre assumono qualità stravaganti con caratteristiche rosate e magenta o blu e verdi, arricchiete di dettagli color oro.

Squisite illustrazioni digitali in 3D di Maxim Shkret

Mescolando un metodo unico di modellazione 3d con ombre applicate con cura,

Squisite illustrazioni digitali in 3D di Maxim Shkret

ogni pezzo evoca la forma di una scultura di carta. Davvero uniche!

Squisite illustrazioni digitali in 3D di Maxim Shkret

Potete esplorare molti altri progetti digitali dell'illustratore Maxim Shkret sulle sue pagine Behance e Instagram.

giovedì 30 luglio 2020

Torte nuove eleganti e sontuose di Tortik Annushka

Torte di Tortik Annushka

Quando abbiamo conosciuto le creazioni di Tortik Annushka siamo rimasti piacevolmente ammirati dalla bravura dei fratelli Madina e Rustam Yavorskaya, talentuosi pasticceri di Mosca.

Torte di Tortik Annushka

I loro dessert, avvolti con fondente, perfetti e bellissimi assomigliano infatti più a lussuose opere d'arte anche se commestibili.

Torte di Tortik Annushka

Paragonando le semplici torte, delle quali comunque non possiamo farne a meno perché comunque squisite, bisogna ammettere che non c'è gara!

Torte di Tortik Annushka

I fratelli pasticceri continuano a progettare dolci sontuosi che imitano sculture asimmetriche, dipinti e oggetti di artisti famosi.

Torte di Tortik Annushka

Come ricorderete Madina ha un background in belle arti e Rustam ha esperienza in architettura così quando hanno deciso di iniziare questa nuova e affascinante avventura nel campo della pasticceria

Torte di Tortik Annushka

sono riusciti a combinare le loro esperienze e capacità preparando queste delizie per gli occhi e il palato.

Torte di Tortik Annushka

Si possono, purtoppo, solo vedere molte altre creazioni e meravigliarsi davanti alle immagni di nuove deliziosi dessert di Tortik Annushka sulla loro pagina Instagram.

domenica 26 luglio 2020

"Reflektor" il padiglione che riflette la natura di Atelier ARI

Reflektor il padiglione che riflette la natura

Progettato dall'Atelier ARI, "Reflektor" è un insieme di specchi che riflettono la natura, una sorta di padiglione situato sulla collina di Parc Cabiddu, a Wingles, nel nord della Francia.

Reflektor il padiglione che riflette la natura

L'Atelier ARI è uno studio di design con sede a Rotterdam, fondato nell’estate del 2014 da Joyce de Grauw & Paul van den Berg ed essendo composto sia da artisti che da architetti i lavori realizzati sono a metà strada tra installazioni d'arte pubblica e opere architettoniche.
L'Atelier ARI punta su un tipo di design accessibile, dove l’esperienza è importante tanto quanto la produzione e il visitatore diventa parte integrante dell’opera.

Reflektor il padiglione che riflette la natura

La splendida struttura triangolare di "Reflektor" si colloca all'interno di uno spazio aperto, tra la natura incontaminata delle colline francesi, ed è caratterizzata da una serie di specchi che riflettono la terra e il lago circostanti.

Reflektor il padiglione che riflette la natura

L'esterno del padiglione è costituito da una struttura di legno particolare.
Le pareti interne e il soffitto sono realizzati in compensato e rivestite con lastre specchianti in alluminio.
A "Reflektor" si può accedere sia dal davanti che dal retro tramite un piccolo ingresso al quale si arriva percorrendo un sentiero pedonale e una volta entrati, ci si trova in uno spazio intimo dove sostare al riparo dal sole e godersi il silenzio della natura.

martedì 21 luglio 2020

Vibranti dipinti a spatola creano fiori 3D di Joshua Davison

Dipinti a spatola di fiori 3D di Joshua Davison

"Black Flower Wheel"

L'artista neozelandese Joshua Davison crea affascinanti fiori dipinti a spatola. Questi rilievi accattivanti sono composti da dozzine di petali realizzati individualmente che scoppiano di colore.
Sebbene la serie sia nata come un modo per il pittore di 23 anni di praticare la teoria del colore, da allora la sua tecnica si è evoluta in uno studio di simmetria, saturazione e contrasto.

Dipinti a spatola di fiori 3D di Joshua Davison

"Blue Hydrangea"

Durante la sua recente mostra personale alla Flagstaff Gallery, Davison ha spiegato: "Ogni fiore si trova da solo al centro di una grande tela. Questo può essere paragonato alla bellezza e alla complessità di un singolo fiore e allo stesso tempo credo possa rappresentare il nostro meraviglioso pianeta che scorre attraverso lo spazio vuoto".

Dipinti a spatola di fiori 3D di Joshua Davison

"Gray Flower Wheel"

La semplicità dello sfondo evidenzia anche le qualità scultoree di ogni fiore. Se visti di lato, si può notare come queste creazioni botaniche, sporgano dalla tela.

Dipinti a spatola di fiori 3D di Joshua Davison

Secondo Davison, il trucco per produrre composizioni così immacolate è "attenersi a un metodo coerente, allenare una mano ferma e investire tempo nella miscelazione dei colori".

Dipinti a spatola di fiori 3D di Joshua Davison

L'artista usa una sola spatola per sovrapporre una combinazione di colori ad olio e acrilici.
Ognuno dei suoi fiori si distingue per le sue proprietà uniche: il dipinto Blue Hydrangea presenta una tavolozza limitata di gialli, rosa e viola esplorando il rapporto tra luce e ombra man mano che i petali si allontanano dal centro diventando più scuri all'ombra.
Nel caso invece di Black Flower Wheel, sembra che l'artista abbia voluto emulare l'estetica arcobaleno di una ruota di colori: ogni petalo ha la sua tonalità individuale.

Dipinti a spatola di fiori 3D di Joshua Davison

Le sue opere saranno in mostra sino al 26 luglio 2020 alla Flagstaff Gallery, in Nuova Zelanda.
Si possono ammirare altre opere di Joshua Davison su Instagram e su Facebook tenendovi aggiornati anche sulle sue ultime creazioni e le mostre future.

sabato 18 luglio 2020

Una torta dove nuotano i pesci koi e altre leccornie di Petrichoro

Grace, alias Petrichoro, è una pasticcera domestica di Vancouver, Canada, che occasionalmente condivide le foto dei suoi incredibili capolavori culinari sulla sua pagina Instagram.
Proprio di recente, ha condiviso le foto di questa incredibile torta.

La torta con i pesci Koi è composta da quattro strati: gelatina di mandorle di agar, mousse di mirtilli, mousse di cioccolato bianco e torta chiffon di sesamo nero.

Per creare tutti i piccoli dettagli, Grace ha utilizzato pasta di fagioli dolci e gelatina a base di agar.
La pasticcera racconta che era la prima volta che usava la pasta di fagioli dolci e ha trascorso 40 minuti a sbucciarli solo per fare le minuscole foglie di ninfea.
"Adoro fare cose piccole e intricate, e mi sono divertita così tanto a lavorare su gigli e koi"!

Ma come vedete la sua abilità e passione non ha limiti! Che dire del delizioso orsetto o della torta roll a forma di asinello?
Potete continuare a seguire le creazioni della bravissima Grace sulla sua pagina Instagram.
E da parte mia complimenti per tutti i suoi capolavori. Brava!