domenica 20 gennaio 2019

"Noche Antigua" il libro sulla mitologica magia della luna di David Álvarez"

Noche Antigua il libro sulla mitologica magia della luna di David Álvarez

"Noche Antigua" è un libro scritto in spagnolo e illustrato dall'artista messicano David Álvarez.

Noche Antigua il libro sulla mitologica magia della luna di David Álvarez

In esso è raccontata la storia di un opossum e un coniglio che lavorano insieme anche se l'uno è contro l'altro, per creare e mantenere il sole e la luna.

Noche Antigua il libro sulla mitologica magia della luna di David Álvarez

La storia si basa su elementi tratti da antiche e diverse culture centroamericane sulla mitologica magia della luna.

Noche Antigua il libro sulla mitologica magia della luna di David Álvarez

Álvarez cattura un senso di magico silenzio in ogni disegno con le forme semplificate dei personaggi e i toni ovattati delle illustrazioni, che sembrano risplendere dalla luce lattiginosa della luna.

Noche Antigua il libro sulla mitologica magia della luna di David Álvarez

Si possono vedere più lavori dell'artista su Instagram e nel suo negozio Etsy.

venerdì 18 gennaio 2019

Conchiglie trasformate in deliziosi oggetti decorativi di Mary Kenyon

Conchiglie dipinte di Mary Kenyon

Molti artisti contemporanei sono spesso alla ricerca di nuovi modi, per distinguersi dagli altri, per esprimere la propria arte. Alcuni pittori, ad esempio, abbandonano la tela tradizionale per usare altre superfici anche più piccole, ma spesso inaspettate.

Conchiglie dipinte di Mary Kenyon

Una artista che è effettivamente diventata famosa proprio per il suo modo di esprimersi è Mary Kenyon, residente in California.
L'artista usa vere conchiglie che trasforma in bellissimi oggetti decorativi.

Conchiglie dipinte di Mary Kenyon

Il suo lavoro è molto dettagliato e ricorda pezzi di antichi tesori trovati su navi affondate.

Conchiglie dipinte di Mary Kenyon

È un'artista autodidatta, la sua ispirazione viene dal padre pittore di grande talento, che dipingeva con colori ad olio.

Conchiglie dipinte di Mary Kenyon

I lavori di Mary Kenyon sono realizzati applicando, con la tecnica di decoupage, un'immagine sulla superficie della conchiglia, quindi dipinge con cura vari e minuti dettagli ornando anche la base della conchiglia stessa con ornamenti in ​​ottone e strass Swarovski.

Conchiglie dipinte di Mary Kenyon

Le creazioni ultimate sembrano proprio di epoca vittoriana, per cui se ne volete vedere tante altre visitate la sua pagina Instagram dove potrete trovare anche i personalissimi "acchiappa sole", idee deliziose ricche di strass e libellule.

giovedì 17 gennaio 2019

Il Computer ricamato di Irene Posch ed Ebru Kurbak



Il Computer ricamato, realizzato da Irene Posch ed Ebru Kurbak, è un'esplorazione sull'uso di materiali e conoscenze storiche del ricamo in oro, per creare un computer a 8 bit programmabile.



Costruito con una varietà di fili metallici, componenti magnetici, vetro e perline di metallo è ispirato ai ricami tradizionali, il pezzo mette in discussione l'aspetto delle attuali tecnologie digitali ed elettroniche che ci circondano, così come la nostra interazione con loro.


Il computer ricamato e il disegno tecnico di connessione sullo sfondo.

Tecnicamente il pezzo è costituito da relè, in questo caso tessili, simili ai computer prima dell'invenzione dei semiconduttori. Visivamente i fili d'oro qui usati per le loro proprietà conduttive sono ricamati in modo tale da soddisfare funzioni elettroniche.
Gli utenti sono invitati a interagire con il pezzo nella programmazione del tessile che farà calcoli per loro.


Il computer ha lasciato le connessioni ai segnali in ingresso, la riga all'estrema destra mostra l'uscita.


Un dettaglio del ricamo.


La stessa area del ricamo in basso.

Sono visibili i collegamenti alle linee elettriche intrecciate attraverso il tessuto di lino e il ricamo dorato sulla parte superiore.


Disegno schematico della logica del computer.


L'installazione Embroidered Computer realizzata da Irene Posch ed Ebru Kurbak.

martedì 15 gennaio 2019

Lágrimas de unicornio il primo vino rosa glitterato di Gik Live!



L'azienda spagnola Gik Live! dei coniugi Tere e Javi, già produttrice del Blue Wine, un vino blu appunto, si è superata mettendo sul mercato un vino di un bel color rosa pastello e con tanti glitter.



Un vino, che come spiegano i produttori, è il rosato più rosato il cui ingrediente principale sono le lacrime di unicorno.
Tale animale è allevato e coccolato in un luogo sicuro in Navarra, dove appunto è sita l'azienda e proseguono rassicurando i clienti che "il processo di estrazione lacrimale è completamente naturale".



Lágrimas de unicornio ha un sapore dolce e fruttato e come un rosato che si rispetti raggiunge il 12% di volume alcolico.
È adatto ad ogni momento della giornata, anzi della vita perché come affermano i produttori trasforma i giorni normali in giorni meravigliosi!

Non fa una grinza. In definitiva l'unicorno è un animale magico... per cui è più che ovvio che sia proprio così. O no? Salute!

domenica 13 gennaio 2019

Animali di carta combinati da molti strati e fioriture decorative di Patrick Cabral



Patrick Cabral è un artista della carta davvero eccellente.



La più recente serie dell'artista comprende tre animali: la testa di una tigre, di un elefante e un quetzal con le ali spiegate.



La loro particolarità sono gli inserti colorati: il naso rosa per la tigre, l'oro nella proboscide dell'elefante e nelle piume della coda dell'uccello.



Queste opere sono state commissionate da Starbucks per un suo nuovo negozio a Manila, nelle Filippine.

Il lavoro su carta molto accurato dell'artista è formato da più strati ritagliati a mano, che poi assemblati, rendono profondità al soggetto e anche se il design degli animali è simile a una precedente iterazione dell'elefante che Cabral creò nel 2017, i nuovi modelli radiali sulla fronte e le orecchie simmetriche, offrono un netto contrasto nella composizione.



Come dicevo, lo scorso anno Patrick Cabral creò una serie con diversi animali per evidenziare varie specie minacciate di estinzione, comprendente appunto un elefante e una tigre, ma anche un panda, un pangolino, una tartaruga e altri.



Le opere di questa serie sono tutte composte da motivi decorativi come nella nuova serie, ma allora l'artista usò solo carta bianca.



Con tale serie Cabral ha voluto sostenere questi animali donando metà del ricavato dalla vendita di ogni scultura al WWF delle Filippine.

Si può imparare, apprezzare e stupirsi della bravura, competenza e meticolosità che Patrick Cabral continua a mettere nel suo lavoro con la carta visitando la sua pagina su Instagram.

giovedì 10 gennaio 2019

Il ceppo di un albero di 110 anni è stato trasformato in una libreria



Quando il vecchio albero di 110 anni dovette essere abbattuto, Sharalee Armitage Howard e la sua famiglia decisero di non farlo sradicare ma di trasformare parte del tronco in una libreria.



Così Sharalee, artista ed ex rilegatrice di libri, ha concretizzato la sua idea e il grande ceppo è diventato il luogo perfetto per una "Little Tree Library".



Il moncone è stato quindi scolpito all'interno, protetto da un tetto con due spioventi, abbellito da libri in miniatura sopra la piccola porta a vetri



e accessoriato con una accogliente illuminazione interna ed esterna dandogli un look davvero da favola!



Little Free Library è un'organizzazione no profit, aiuta a mantenere vivo l'amore per i libri "ispirando l'amore per la lettura, la creazione di comunità e la creatività promuovendo scambi di libri nei quartieri in tutto il mondo".



Al momento queste piccole librerie sono sparse in 88 paesi e hanno raggiunto la considerevole quota di oltre 75.000!
Anche se viviamo in un mondo connesso, con accesso a tanta conoscenza con un clic, c'è ancora qualcosa di magico e importante nei libri: la capacità di immergerti nella narrativa, leggere lentamente e profondamente, al contrario della tentazione di scremare e scorrere, è ricca di premi e aiuta a promuovere abilità importanti come il pensiero critico e l'empatia, due cose che stanno palesemente diminuendo nella nostra società.

sabato 5 gennaio 2019

Centrotavola dell'Epifania 2019

Centrotavola dell'Epifania 2019 realizzato da TulipanoRosa

Ho trovato un grazioso sacchettino rosso e ho pensato subito che potevo usarlo per creare il Centrotavola dell'Epifania.
Normalmente la Befana ne porta tanti cavalcando la sua scopa così ho deciso che avrei fatto anche delle scopette da affiancare al sacchetto ricco di doni e dolciumi.
Avendo trovato tutto ciò che mi occorreva, ho quindi preparato il Centrotavola e ora vi spiego come ho fatto.

Occorrente

Sacchetto rosso cm. 30 X cm. 24
Nastrino rosso alto cm. 1, lungo m. 1
Nastrino rosso alto cm. 0,5, lungo cm. 15
Nappine 2
Bastoncini per sushi 2
Candela a LED
Forbici
Coltello
Colla per tessuti

Esecuzione

Ho riempito con po' di carta da cucina, perché più morbida, il sacchetto per renderlo leggermente gonfio, ho poi diviso il nastrino rosso più alto in due parti uguali e con esse l'ho chiuso.
Col nastrino ho formato due piccole gasse lasciando che buona parte di esso pendesse lungo il sacchetto.
Ho preso i due bastoncini di balsa, li ho accorciati col coltello in modo d'avere due bastoncini lunghi cm. 12, quindi ho assottigliato la parte da inserire nelle nappine fissandoli con un po' di colla per tessuti. Ecco pronte due graziose scopine.
Ho preso la terza scopina e attorno al suo manico, ho incollato il nastrino rosso più sottile.
Il sacchetto ho pensato di appoggiarlo sul tavolo dal lato più lungo e sistemare le tre scopette appoggiandole semplicemente ad esso come se la Befana e le sue aiutanti, avessero terminato il loro faticoso giro e si fossero prese un po' di riposo.
Ho aggiunto alcuni cioccolatini come se uscissero dal sacchetto e ho messo la candela a LED in una ciotola a forma di stella di natale. Il Centrotavola è quindi pronto!

Ringrazio nuovamente Tiziano, caro amico e superbo fotografo per la perfetta foto scattata al mio Centrotavola.

Ringrazio anche tutti voi per la vostra amicizia, ricordandovi che cliccando qui potrete vedere tutti i Centrotavola da me realizzati, augurandovi una felice e golosa Epifania!