venerdì 23 settembre 2016

Sculture d'acqua di Annalù



L'artista italiana Annaluigia Boeretto, in arte Annalù, è veneziana ed abita in una casa palafittata sulla riva destra del fiume Piave.



Con queste premesse è normale per lei associare l'idea di acqua alla sua vita e conseguentemente alla sua splendida arte.



Le sue opere sono un'esplosione di bellezza, ogni cosa, dalle pagine dei libri ai petali dei fiori sembrano schizzare in ogni direzione e divertirsi come l'allegro piedino che scolpisce e sparge acqua, ma nel contempo ne diventa parte.



Annalù lavora principalmente con una forma di resina per ottenere delicati, quanto attinenti alla realtà, elementi che richiamano sia l'acqua che il vetro.



La prossima mostra personale dell'artista avverrà presso la East West Fine Art, in Florida, dal 1 ottobre 2016.

Molti altri lavori di Annalù sono visibili su Instagram.

giovedì 22 settembre 2016

Funghi fiori e insetti con carta riciclata di Kate Kato



Influenzata sin dall'infanzia dal fascino delle illustrazioni botaniche, dalle visite ai musei di storia naturale e dalla raccolta di piante e insetti, che poi conservava gelosamente in barattoli e scatole, l'artista Kate Kato crea sculture dettagliate di funghi, fiori e insetti con carta riciclata.



Le sculture sono in genere costruite per riflettere accuratamente le dimensioni del soggetto, ciascuna è costruita con carta riciclata appropriata che l'artista rende ancora più simile alla realtà con coloranti naturali, acquerelli e un'aggiunta di ricamo. Lei stessa afferma che le piacciono i colori e la consistenza.



Kato, racconta: "Per me il lavoro può essere molto nostalgico, mi riporta all'infanzia ed alla curiosità che ha alimentato la mia creatività. Mi piace usare carta riciclata in quanto riflette la nostalgia dando alle mie sculture una storia e una narrazione. Mi piacciono le persone che sono in grado di capire l'origine dei materiali così come si sono trasformati evocando quella curiosità infantile che tutti noi abbiamo dentro!".



I lavori di Kato faranno parte della prossima mostra "Paper" presso la Confluence Gallery a Twisp, Washington, dal 15 ottobre al 19 novembre 2016.



È possibile acquistare le sculture di Kato sia on-line nel suo Etsy o di persona presso il Craft Centre and Design Gallery di Leeds, nel Regno Unito.

mercoledì 21 settembre 2016

Vibranti graffiti di Martin Whatson



L'artista Martin Whatson, nato e residente in Norvegia, produce graffiti e stencil che si scagliano contro il mondano, interrompendo la monotonia dei grigi con esplosioni di coloratissimi e palpitanti graffiti.



I suoi graffiti spesso si concentrano su un soggetto in bianco e nero apparentemente inconsapevole delle parole e dei segni brillanti che latenti, esistono nel suo ambiente desolante.



L'ispirazione dell'artista proviene da molteplici origini urbane: persone, paesaggi di città, edifici antichi, graffiti, manifesti e muri in decomposizione. Questo interesse per il decadimento ha contribuito a sviluppare il suo stile, le sue motivazioni e la composizione, compiacendosi della creazione, dell'unità o del conflitto tra materiali, sfondi, motivi e intervento umano.



Whatson usa toni di grigio come base, aggiungendo poi colori vivaci come per "strappare" questo velo monotono e quindi portare un tocco di vita alle sue motivazioni.

Attualmente Whatson espone presso la mostra collettiva "LAX/ORD" alla Vertical Gallery di Chicago.

Molti altri suoi lavori interni ed esterni sono vedibili su Instagram.

domenica 18 settembre 2016

"Indefinite Vases" vasi che si sciolgono dello Studio E.O



Indefinite Vases è un recente progetto di design multidisciplinare dello Studio E.O che ha sede a Stoccolma.



Vasi di finissimo vetro soffiato poggiano su marmi con spigoli vivi.



Dalle forme tradizionali, i vasi vengono fusi e raffreddati sugli spigoli vivi per creare "sul posto" qualcosa di innovativo: un vaso che si liquefa sulla sua base.



Del progetto, lo Studio E.O spiega: "Il progetto è un'esplorazione del rapporto tra forme geometriche ed organiche - trasparenti e opache. Materiale di fusione indefinito interagisce con le forme angolari definite e la gravità determina la relazione in mezzo. Indefinite Vases sono sculture o contenitori. Funzionali o decorativi. Il contrasto tra la pietra a taglio e la forma del vetro soffiato sottolinea la relazione fra spazio e oggetto, un'interazione tra un materiale fragile e la sua controparte solida".



Al momento della produzione sono stati eseguiti un numero limitato di vasi che sono disponibili presso Galerie KREO.

sabato 17 settembre 2016

Legno e conchiglie nelle sculture di Debra Bernier



Debra Bernier è una artista straordinaria di Victoria, in Canada; utilizza materiali naturali, come legno, argilla e conchiglie per creare sculture con un fascino particolare.



Le sue sculture rappresentano gli spiriti della natura fusi in sembianze umane: un insieme che si amalgama al materiale naturale usato dall'artista.



Debra, spiega: "Quando lavoro col legno, non ho mai di fronte una tela bianca. Ogni pezzo è già una scultura creata dalle carezze delle onde e del vento. Il legno racconta una storia e immagino il suo viaggio, quindi mi limito ad estendere o ridurre le curve, i contorni che già esistono modellandoli in forme familiari di animali o volti di persone."



La scultrice è ispirata dai bambini, dagli animali, dalla natura, infatti prosegue: "I pezzi finiti sono un riflesso non solo della mia vita, della mia famiglia e dei bambini, ma sono un eterno collegamento sacro che noi tutti condividiamo con la natura".



Debra era affascinata dal mare e dalla natura in genere sin dall'infanzia e questa passione l'ha mantenuta crescendo e col suo lavoro riesce a condividendola con tutti.

Cliccando sul nome dell'artista in alto, è possibile ammirare molte altre sue opere.

mercoledì 14 settembre 2016

È uscito "Samorost 3" di Amanita Design immagini e trailer



Amanita Design, sviluppatori del pluripremiato Machinarium, recentemente hanno pubblicato Samorost 3, il tanto atteso sequel di una serie che vide la prima uscita nel 2003 e la seconda nel 2005.



Questo puzzle game profondamente coinvolgente, si estende su 9 pianeti insoliti, dove tra ecosistemi immaginari e fantastici, il giocatore incontrerà strani abitanti e sbloccherà segreti sempre più complessi per avanzare al livello successivo.



I giochi di Amanita Design hanno la particolarità d'essere giochi completamente non verbali-non testuali, tutto si basa molto sull'intuizione, sul sound design e sul simbolismo con l'ausilio dei quali vengono creati ambienti che sono praticamente opere d'arte interattive.



La musica e il sound design specifico sono fantastici e Amanita fornisce tutti i video di dietro le quinte, che mostrano come sono state sviluppate le eccentriche voci di ogni personaggio e la composizione della colonna sonora di accompagnamento.



È possibile scaricare il gioco dal loro sito web.



E ora guardatevi il video del trailer ufficiale.

domenica 11 settembre 2016

I dolci geometrici di Dinara Kasko



Dinara Kasko è una architetto che ha deciso di combinare la sua capacità di progettare con l'arte culinaria.



E da questo abbinamento ecco che figure geometriche nascondono squisiti dolci.



Le strutture assolutamente commestibili sono più che mai singolari!



Kasko, a Good Magazine, ha spiegato: "Ho molte idee non realizzate e una gran voglia di sperimentare. Non voglio imitare gli altri, voglio creare qualcosa di nuovo".



Sapendo che tali meraviglie sono eccellenti oltre che belle, sorge una domanda: come si farà a mangiare qualcosa di così spettacolare?